Come nascono le nostre trascrizioni per quartetto d’archi?


Il nostro repertorio è costituito da tantissimi brani di vario genere: musica barocca, classica, romantica ma anche rock e pop. Ovviamente non tutti questi brani sono stati composti per quartetto d’archi o per duo di violini. Talvolta l’autore ha pensato ad un pianoforte, oppure ad un’orchestra intera, o ad una band rock, con tanto di basso e batteria. Trasformare questi brani e fare in modo che siano eseguibili da strumenti ad arco mantenendone l’essenza e la “magia” è una grande responsabilità. Responsabilità nei confronti del compositore, ma anche nei confonti di chi ascolta. Per questo motivo spesso quando si tratta di trascrivere un brano di un grande maestro del passato, chiediamo aiuto ad un compositore professionista. Invece per i brani rock e pop amiamo metterci in gioco e curare noi stessi gli arrangiamenti. Ogni trascrizione è legata agli amici che ce l’hanno commissionata e a noi, ed ha una storia ricca di emozioni. Oggi ve ne vogliamo raccontare una.
Tempo fa ricevemmo una richiesta molto strana da una coppia di sposi un po’ speciali. Lui, attore e lei, performer di una delle più importanti compagnie di musical italiane, hanno legato la loro storia d’amore a ” Over the rainbow”. La bellissima canzone, composta da Harold Arlen ed interpretata da Judy Garland nel film “Il mago di Oz”, ha ispirato tantissimi musicisti, ma i nostri sposi erano affezionati alla versione per pianoforte solo di Keith Jarrett. Come riuscire a realizzare con il quartetto i romantici e un po’ malinconici rivoli di note che Jarrett usa per questa canzone? Ovviamente qui la sfida è stata sopratutto nel cogliere lo spirito, la natura del pezzo.

Il giorno dell’evento, dopo la cerimonia, ci sistemiamo in un lato del porticato che forma il grande chiostro dove si sarebbe svolto l’aperitivo. Man mano arrivano gli invitati, e si spargono per il giardino. Iniziamo a suonare ” Over the rainbow”. Le note dei pizzicati risuonano lungo il porticato, mentre la melodia al violino si illanguidisce di mille sfumature. Intorno a noi la gente si accomoda, si siede sull’erba, prende un drink. Tutto sembra sospeso in una nuvola di dolcezza: non c’è il solito brusio affannato degli aperitivi, dove tutti si buttano sul buffet, ma un’atmosfera rilassata e quasi fuori dal tempo. Gli sposi si avvicinano e accennano un passo di danza…..tutto è perfetto. questi sono i momenti che amo di più, i momenti in cui sono fiera di far parte de Gli Archimisti.

Cris

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>